Logo Olfattivo

Il Profumo ha un ruolo importante nella valorizzazione del marchio, prima di tutto perché è una novità e quindi permette di dar maggior valore al marchio, aggiungendogli un plus che gli altri non hanno.

L'obiettivo è far sì che un odore comune a diversi prodotti diventi automaticamente il logo olfattivo del marchio più venduto nell'inconscio collettivo.

Il funzionamento della memoria olfattiva è tale che i primi ricordi olfattivi che risalgono all'infanzia sono i più potenti per suscitare delle emozioni. Le memorie olfattive non svaniscono mai e la loro forza dipende dall'importanza che ha avuto la situazione in cui l'odore è stato percepito.

Il logo olfattivo può essere utilizzato su supporti materiali (carte, card, tessuti, ecc), ma può soprattutto essere diffuso negli ambienti.

In questo caso, il logo ha il vantaggio sulla pubblicità tradizionale di occupare interamente lo spazio e di pervadere completamente la situazione in cui è diffuso. Diffondendo l'odore durante eventi legati all'azienda o durante eventi sponsorizzati, culturali e sportivi, di forte carica emozionale, è possibile condizionare un determinato pubblico ad una risposta emotiva che scatterà automaticamente al risentire l'odore sul prodotto stesso o nei negozi che lo vendono.

Il logo olfattivo si crea in funzione del target che si cerca di raggiungere. Per esempio nel caso di prodotti per bambini, sono le mamme che devono gradire l'odore del prodotto. Più ristretto e omogeneo sarà il pubblico, più semplice sarà realizzare il logo olfattivo.

L'elaborazione di loghi olfattivi è un processo complesso in quanto mixa elementi analitici e creativi: è un binomio dalla conoscenza della psicologia dell'olfatto e dell'aromaterapia, con l'intuizione e l'ispirazione.

Esistono 2 diversi modi di sprigionare il proprio logo olfattivo o brand olfattivo. Essi sono il marketing olfattivo e la profumazione ambientale, conosciuta anche come arredamento olfattivo.

Dicono di noi...